Finanziamenti strutturati

Qual è il miglior metodo di valutazione?

Spesso sono nuove circostanze di vita, progetti per il futuro o idee imprenditoriali che inducono il titolare a pensare di vendere la propria azienda. Anche l’imminente pensionamento o il desiderio di cambiare carriera possono spingere a voler conoscere il prezzo di mercato della propria impresa. Vi forniamo una panoramica dei diversi metodi di valutazione aziendale.

Mann im Büro

Buono a sapersi

L’obiettività è la carta vincente

Nell’ambito di una pianificazione successoria, di un rilevamento o di un’acquisizione di impresa si pone sempre anche la questione del valore dell’azienda. Acquirente e venditore hanno spesso idee divergenti al riguardo, in quanto attribuiscono un peso diverso ai vari parametri della valutazione aziendale. Mentre il venditore è influenzato da aspetti emotivi e dal suo legame nei confronti dell’azienda, l’acquirente si concentra soprattutto sui potenziali rischi che potrebbe comportare l’acquisizione. Poiché entrambe le posizioni sono giustificate e comprensibili, è importante disporre di una valutazione del valore quanto più obiettiva possibile per le trattative sul prezzo. 

Meglio senza fretta

Se non si ha urgenza di vendere, è possibile analizzare in tutta tranquillità quale prezzo di vendita sia ragionevole aspettarsi o se attualmente valga realmente la pena compiere questo passo. Chi d’altro canto è interessato ad acquistare un’azienda – per mettersi in proprio o per favorire la crescita di un’attività imprenditoriale già esistente – non vuole ovviamente acquistare a scatola chiusa. Per la valutazione è necessario, da un lato, comprendere il modello aziendale e, dall’altro, avere un buon grado di certezza sulla futura redditività dell’impresa. Che si tratti di acquistare o vendere un’azienda, in entrambi i casi una valutazione professionale e approfondita aiuta a fare chiarezza. 
 

Motivi di una valutazione:

  • Nuove circostanze di vita
  • progetti futuri o idee imprenditoriali del titolare
  • imminente pensionamento o desiderio di cambiamento professionale
  • cambiamento della forma giuridica
  • costituzione mediante conferimenti in natura
  • acquisizione di una partecipazione
  • fusione o scissione
  • nuovo assetto societario
  • calcolo della porzione legittima in caso di successione
  • liquidazione del regime dei beni tra coniugi
Potrait Mann in Anzug

Quali sono i metodi di valutazione aziendale?

Valore teorico vs. effettivo

Come per la valutazione immobiliare, anche nel caso della valutazione aziendale si distingue tra il valore teorico, basato su cifre e fatti, e il valore di mercato effettivo, che deriva dalle dinamiche di domanda e offerta ed è influenzato da fattori soggettivi.
 

In primo luogo, si tratta di rilevare i valori aziendali tradizionali, che includono tutte le cifre dello stato patrimoniale e del conto economico, i dettagli dei conti e l’inventario delle merci. Visto che contano anche i fattori qualitativi, vengono prese in considerazione anche le informazioni riguardanti l’organizzazione (come il tasso di turnover), i clienti e i fornitori (eventuali rischi di concentrazione), il know-how tecnologico (come il grado di innovazione) e l’andamento del mercato. Sulla base di tutti questi dati e informazioni, viene quindi calcolato il valore aziendale teorico attraverso il metodo di valutazione più adatto.

In questo metodo il valore dell’impresa corrisponde al capitale proprio, rettificato per le riserve e le imposte latenti. Ai fini della valutazione è rilevante soltanto lo stato patrimoniale, ossia non vengono presi in considerazione valori immateriali come potenziale di mercato, previsioni di utile o know-how dei collaboratori. Il valore reale è spesso considerato la soglia minima di prezzo: se il prezzo si colloca al di sotto, può essere più conveniente liquidare l’azienda.

Vantaggio: il calcolo è semplice

Svantaggio: la redditività e le prospettive future non sono prese in considerazione
 

Con questo metodo, il valore dell’azienda si calcola sulla base dei ricavi futuri e dei rendimenti attesi, ossia flussi di ricavi come utili o flussi di cassa. Vengono inclusi anche valori immateriali come portafoglio clienti, posizione di mercato e reputazione. Ulteriori fattori sono la strategia aziendale, la situazione di mercato e il management.

Vantaggio: redditività e prospettive future sono prese in considerazione

Svantaggio: la stima dell’utile e la rettifica del conto economico sono complesse

Questo metodo, detto anche del valore medio, combina il valore reale e quello di reddito, laddove a quest’ultimo viene in genere attribuita una ponderazione doppia rispetto al valore reale. È un metodo particolarmente apprezzato dalle imprese in Svizzera, dato che viene spesso utilizzato anche dalle autorità per determinare il valore commerciale delle aziende non quotate.

Vantaggio: considera il patrimonio, la redditività e le prospettive future

Svantaggio: il rapporto 1:2 tra patrimonio e rendimento non è sempre indicato per tutte le imprese


 

Con il metodo DCF il calcolo viene effettuato sulla base dei flussi di cassa disponibili al netto delle imposte. Occorre prevedere i flussi di cassa futuri e in seguito attualizzarli al momento della valutazione utilizzando il costo medio del capitale rettificato per le imposte. Il metodo è molto completo, ma richiede una buona pianificazione a medio termine.

Vantaggio: metodo completo e riconosciuto

Svantaggio: elevato onere per la stima del cash flow, determinazione complessa del costo di capitalizzazione
 

I valori teorici servono a poco se poi non si riesce a trovare un acquirente disposto ad accettare il prezzo d’acquisto così ricavato. Di conseguenza, è necessario confrontare i risultati emersi dalla valutazione classica con i prezzi di mercato effettivamente conseguiti. Per farlo si tiene conto dei prezzi di vendita di aziende con parametri simili, in termini di dimensioni e di settore, a quelli dell’azienda oggetto della valutazione. Su questa base è infine possibile ricavare per l’impresa interessata una fascia di prezzo realistica e ragionevolmente ottenibile sul mercato.

Qual è il metodo giusto?

Ogni metodo di valutazione aziendale presenta vantaggi e svantaggi, per cui nella prassi si è soliti combinare diversi metodi. Il mix può variare a seconda della fase del ciclo di vita in cui si trova l’azienda e del tipo di modello aziendale.
Mann in Anzug vor Daten-Screen

È fondamentale tenere presente

che il valore dell’impresa non coincide necessariamente con il prezzo di vendita. L’esperienza insegna che aspettative irrealistiche sul prezzo possono mandare a monte una vendita pianificata. Pertanto, i titolari dovrebbero calcolare il valore effettivo della loro azienda con l’aiuto di specialisti esperti, così come i potenziali acquirenti dovrebbero far verificare i piani aziendali e finanziari da esperti. In entrambi i casi, la Banca Migros sarà lieta di mettere le sue abilità di banca imprenditoriale al vostro servizio in qualità di sparring partner e finanziatrice, anche con soluzioni di finanziamento su misura.
Mann in Anzug schreibt mit einem Stift auf digitalen Screen

Come vi possiamo aiutare

Dalla valutazione aziendale al finanziamento dell’acquisizione

La valutazione aziendale è una tappa importante nel ciclo di vita di ogni azienda e costituisce la base ideale per negoziare il prezzo in fase di rilevamento, acquisizione o regolamentazione della successione. Potete avvalervi della nostra esperienza e competenza in materia. Con lungimiranza, know-how e conoscenza dei diversi modelli aziendali, esaminiamo i documenti di due diligence, eseguiamo analisi aziendali e settoriali, verifichiamo i piani aziendali e finanziari e vi supportiamo anche nel finanziamento di acquisizione fino al completamento della transazione. Se necessario, coinvolgiamo fiduciari, esperti fiscali e consulenti legali oppure, quando sono coinvolti immobili aziendali, anche la nostra società partner CSL Immobilien AG.

Potrebbe interessarvi anche

Leasing di beni d’investimento

Salvaguardate la liquidità della vostra azienda e optate per un leasing di beni d’investimento della Banca Migros. Grazie ai canoni di leasing convenuti individualmente, potete sintonizzare costi e ricavi in maniera ottimale.

  • Salvaguardia della liquidità
  • Utilizzo delle più recenti tecnologie
  • Finanziamento calibrato in modo ottimale
Richiedi il leasing online

Limite in conto corrente

Con un limite in conto corrente ampliate il vostro margine di manovra finanziario. Utilizzate il limite in modo flessibile, per un periodo transitorio oppure in modo duraturo.

  • Principio di causalità
  • Il tasso d’interesse può scendere
  • Opzione di cambio flessibile
Richiedi un limite

Business Card

La Business Card della Banca Migros – la carta di credito universale per le aziende. Acquisti e viaggi dietro fattura mensile, sempre e ovunque.

  • Accettazione molto ampia
  • Programma bonus in funzione del fatturato annuo
  • Prestazioni assicurative interessanti

100.–

CHF/anno
Per saperne di più

Quota annua Business Card Argento CHF 100, acquisti all’estero 1,50%, prelevamenti di contanti 3,50% (min. CHF 5 Svizzera, min. CHF 10 estero).

Hände mit Stift über einem Notizbuch

Contatto e supporto

Domande sull’offerta?